Il termine bioresistenze vuole descrivere una pluralità di situazioni connesse da un lato con la salvaguardia dell’ambiente e dall’altro con la tutela dei diritti e della legalità attraverso azioni concrete.

Bioresistenze è un progetto della Confederazione Italiana Agricoltori (Cia) con cui concentrarsi sul grande patrimonio rappresentato da un certo tipo di agricoltura: quell’agricoltura che conscia del concetto di limite, di tempo, di complessità dell’ambiente opera per i beni comuni. Un agricoltura che è azione di salvaguardia dei diritti e della legalità là dove legalità non significa astratto principio di osservanza positiva delle leggi ma costituzione di uno spazio in cui i diritti di tutti vengono realizzati ed attuati, dove le persone siano cittadini; azione di salvaguardia ambientale, azione di tutela del territorio, del paesaggio, della biodiversità.

Il termine bioresistenze vuole descrivere, quindi, una pluralità di azioni che ruotano attorno ad un “sano” rapporto con il territorio dimostrando che l’agricoltura non è solo azione economica/finanziaria ma, anche, pratica di resistenza alle forme di illegalità, resistenza all’uniformazione (che è appiattimento e non uguaglianza) sia culturale che alimentare, resistenza alla violenza con cui vengono trattate e gestite le risorse naturali, resistenza alla scomparsa di biodiversità.

Un percorso capace di richiamare e sottolineare il legame tra queste pratiche agricole e la cittadinanza responsabile.

La prima parte del progetto ci ha portato, nel corso del 2013, ad incontrando 22 esperienze agricole disposte su tutto il territorio nazionale, esperienze raccolte in questo blog e nella pubblicazione Bioresistenze – cittadini per il territorio: l’agricoltura responsabile (Padova, 2014).

Attualmente il progetto sta proseguendo, grazie ad un finanziamento del Mipaaf, e si concluderà in ottobre 2015 con la proiezione ad Expo del Documentario che racconterà esperienze agricole che costruiscono, sostanziano, la democrazia nel nostro Paese: aziende che, forse senza accorgersene, quotidianamente, realizzano i principi e i valori della Costituzione Repubblicana  difendendo il bene comune terra.

Bioresistenze è il proseguio e l’approfondimento del percorso Biodifferenze (2006) dedicato ai progetti agricoli di mantenimento e conservazione della biodiversità in Italia, Brasile e Bosnia ed Erzegovina. Vedi la galleria di Biodifferenze.

 
Annunci